Dopo la parziale delusione dell’Hungaroring, dove aveva collezionato un 3° posto e un ritiro, Giuseppe De Fuoco domina a Brands Hatch. Di Loreto e Valeriano lo marcano stretto e completano il podio.

Dominio preannunciato?

In qualifica De Fuoco è l’unico pilota a scendere sotto il muro dell’1.16, distaccando di 3 decimi il compagno Valeriano. Terzo Di Loreto, con Cannistraci e Boschetti vicinissimi.
Nonostante il distacco inflitto agli inseguitori, in 54 giri a Brands Hatch, con 29 auto in pista, può succedere di tutto.

Partenza difficile

Lo start, seppure lanciato, si rivela un momento delicato. Mobilio perde il controllo dell’auto alla prima curva e rientra pericolosamente in pista coinvolgendo altre auto.
Mentre i primi 3 sembrano fare il vuoto, a metà gruppo iniziano a delinearsi alcune battaglie interessanti.
Oltre all’infinita sfida Molle-Pagoto, la lotta per la decima piazza fra Vella e Spinelli si fa avvincente. Di qui nascerà un vero e proprio trenino che conterà Mormina, Giuntini, Iennaco, De Ciutiis, Vella e Zitiello tutti racchiusi in 3 secondi.

Pit-stop e delineamento delle posizioni

Come visto ad Hockenheim, anche qui le posizioni sembrano delinearsi dopo la fermata ai box, rendendo la strategia un punto chiave delle gare endurance.
Facendo un passo indietro, la situazione prima della sosta vede il terzetto di testa in fuga da Cannistraci, raggiunto intanto da Boschetti, Molle e Pagoto rendendo a 4 la lotta per il 4° posto.
Primo a fermarsi è Di Loreto con l’undercut al 23° giro, che gli riesce solo in parte: rientrato in pista infatti, si trova alle spalle del gruppo sopracitato e perde quindi parecchio tempo, tanto che De Fuoco si fermerà al 29° giro e gli rientrerà davanti, seppur di non molto. Si rivela invece fatale la sosta per Valeriano al giro successivo, costretto ad accodarsi all’alfiere BlueBolt e dovendosi quindi accontentare della terza piazza.
La lotta per il 4° posto perde invece due protagonisti: Cannistraci è costretto al ritiro in seguito ad un incidente, mentre Pagoto sbaglia la ripartenza dal pitstop, danneggia l’auto e finisce quindi fuori dalla zona punti.

Risultati, classifiche e prossimo appuntamento

Vittoria dunque per la Musto Racing di De Fuoco, seguito da Di Loreto e Valeriano. 4° posto per Michele Molle, mentre 5° è Vincenzi autore di una gara silenziosa, ma condotta con ottimo passo, tanto da risultare l’ultimo dei piloti non doppiati.
A seguire troviamo Vella, Zitiello, Iennaco, Morante e D’Angelo. Solamente 16 piloti risultano classificati entro il 90 % dei giri del leader, a dimostrazione di quanto Brands Hatch non perdoni il minimo errore.
La classifica ora vede ancora in testa Di Loreto a 90 punti, soli 16 di margine su De Fuoco. A 30 lunghezze Valeriano, marcato stretto da Molle.
Il prossimo appuntamento è per questa sera su Pitlane TV alle 21.30, dove ci attenderanno due emozionanti gare sprint a Zandvoort, altra pista tortuosissima. Non mancate!

About author
Valerio Ferraris

Valerio Ferraris

Direttore di gara e articolista su e-Racing Series.

Your email address will not be published. Required fields are marked *