Blancpain GT Series, Rnd #4, endurance Silverstone.
La parola ai piloti.

Rieccoci a Driver’s Side, spazio per le parole dei piloti e-RacingSeries.com protagonisti del Blancpain GT Series.
Fermo il Tatuus Challenge è il campionato delle GT3 ad aver disputato la seconda delle tre endurance in programma, esattamente a Silverstone.
Sullo storico circuito inglese, da qualche anno con un layout nuovo, è stato di nuovo il Team Racing On3 a farla da padrone con la doppietta Muià-Chesini!

Novità di questa edizione di Driver’s Side è l’intervista presso la sede Racing On3 dove Paolo e Michele ci hanno accolto insieme per parlarci del loro momento!
Ecco a voi le loro parole!

Il Team Racing On3 2 con Paolo Muià e Michele Chesini da un colpo dopo le due gare inglesi. Come andrà la seconda metà del Blancpain GT Series?

Paolo Muià e Michele Chesini, diventa quasi difficile ora farvi domande!
Diteci un po’ come sta andando, se vi aspettavate questa situazione, cosa vi aspettate ora… Fate voi!
Ciao e grazie per la disponibilità.
Bè, ci aspettiamo di far bene nonostante le zavorre che si sentiranno parecchio nelle gare a seguire, sperando poi a Spa, liberi dal peso, di esprimerci di nuovo al 100%!

Se si possono chiamare difficoltà, è sembrato un po’ così nelle prime gare; in Inghilterra poi, oltretutto pure con Mazzei, avete sfoderato un cambiamento controcorrente e inaspettato forse, viste la zavorre che crescevano. Cosa è stato di preciso a cambiarvi così? Qualcosa di particolare o no?
Sicuramente un ruolo fondamentale lo hanno giocato le piste. Brands Hatch soprattutto e in parte Silverstone sono piste più congeniali alla nostra vettura rispetto a Monza. Di contro si adattano abbastanza bene all’Audi, ma decisamente male alla Lamborghini. Da qui il perchè delle difficoltà di Santoro zavorrato.

Parliamo di Silverstone. Paolo, dopo i test hai “perso” un’altra pole ma hai vinto di nuovo la gara; Michele invece, la vittoria era a portata: lecito gioco di squadra o strategia particolare che ti ha fatto cedere nel finale? Come è andata?
[Michele] Semplicemente ho dimenticato di selezionare il cambio gomme. Ma nessun problema, la priorità è il primo posto di Paolo in questo momento, quindi va bene così. Il risultato del team poi non cambia quindi….è stata sempre doppietta!

Chiudiamo sugli avversari. Ovviamente lo siete ancora l’uno per l’altro, ci sono ancora 3 doppi rounds e Spa, insomma siete a metà strada e non c’è poi un abisso che vi separa; oltre ad un derby tra voi, chi vedete più come pretendente al titolo dopo il ko di Diana? Lo Stealth Racing di Santoro e Pasquali e potrebbe essere l’unica vera minaccia? O Scorpati del GTWR può inserirsi?
Santoro pensiamo sia sempre l’avversario più temibile, anche se la competitività dell’Audi su parecchie piste è veramente importante. Ora ci attendono 2 piste medio – lente dove l’R8 si comporterà ancora bene, mentre per Spa ci sarà una risalita della Lamborghini. Nel complesso devo dire che ho visto un Santoro più brillante alla guida anche se meno costante, mentre uno Scorpati più lineare nei risultati. Daniele Pasquali è invece stato penalizzato dalla prima assenza. Fabio Diana mi ha fatto una buona impressione anche se il problema al PC lo ha penalizzato fortemente. Magari un suo rientro per le ultime gare potrebbe inserirlo nella lotta per la vittoria di quest’ultime essendo scarico di zavorra.

Grazie al Team Racing On3 del tempo dedicato.
Appuntamento alle prossime interviste dal round #5 di Budapest, insieme al Formula Tatuus!

Gianpaolo Quadri per e-RacingSeries.com

Your email address will not be published. Required fields are marked *